10 cose che ho imparato dalla nascita di Giuliano.

bruny e giuly

bruny e giuly

10 cose che ho imparato dal 10 dicembre 2014:

  1. Rendere, con la sola forza del pensiero, il dolore più terribile (post-cesareo) sopportabile: per potermi occupare al più presto di Giuliano e Bruny.
  2. I nonni, gli zii e la mia famiglia sono le persone che ci sono e ci saranno sempre, incondizionatamente. (Non è che l’ho imparato ora…ma ora ne ho preso ancora più coscienza).
  3. Che una sorella o un fratello maggiore vanno sempre coinvolti e inaspettatamente ti sono di grandissimo aiuto.
  4. Che non si dovrebbero cercare risposte su google, ma alla fine mi ritrovo a cercare le cose più assurde (es.: colore cacca neonato).
  5. Ottimizzare i tempi e pianificare. Decidere in anticipo cosa fare in quelle ore in cui Giuliano dorme e Brunella è a scuola (mangiare, shampoo, telefonata…o dormire?)
  6. Allattare in piedi, salendo le scale, mangiando, scegliendo i vestiti da far mettere a Brunella…ed imparare a fare tutto rigorosamente con una sola mano.
  7. Rassegnarmi all’idea di non riuscire a fare tutto da sola… qualche pizza in più a cena, un pò più di tv a Brunella, chiedere di tutto di più a mio marito.
  8. Resistere al sonno ed alla stanchezza e riuscire a dormire seduta anche un quarto d’ora.
  9. “Tapparmi le orecchie” per non sentire i continui commenti, spesso pessimistici o allarmistici e comunque contraddittori, di tutti coloro che pensano di sapere più di una mamma cosa è meglio per lei e per il suo bambino. Fra tutti chi mette in guardia sulle conseguenze del “dargliele tutte vinte” o “viziarlo”quando invece  è ovvio il bisogno di un bambino di essere a contatto fisico con la mamma.
  10. Che l’amore si moltiplica.

Share This:

Mary

Mary, 35 anni, laureata in economia, un master in marketing e comunicazione moda e beni di lusso, events planner, web addicted, mamma di 3 marmocchi e moglie. E una voglia matta di vivere felice.

10 Comments

  1. Che carino questo post. Guarda, io non ho ancora figli e non potrei capire queste cose ma su una cosa sono assolutamente d’accordo con te: i giudizi altrui. Uno non può fare di testa sua e decidere cos’è meglio per lei e il suo bambino??? Non l’ho mai capito…
    E’ un piacere conoscerti. Buon fine settimana,
    Eni

    Eniwhere Fashion
    Eniwhere Fashion Facebook

  2. Cara Mary,
    è la prima volta che ti leggo e ho subito trovato un argomento per me molto delicato: la maternità.
    Io di figli ne ho uno (una per la precisione: la princess Sofia 😉 ), avuta con cesareo tra l’altro e capisco benissimo il senso di questo post.
    Intanto ti faccio un grandissimo augurio per questa nuova vita e ti auguro tutta la serenità e l’aiuto possibile da parte dei familiari affinchè tu possa presto ritornate ad avere tempo anche per te stessa. Immagino capirai le mie parole 🙂
    Un abbraccio forte e…piacere di conoscerti.
    Areta
    ♥ fashionmyloveit.com ♥
    ♥ Bloglovin | Facebook | Google+ ♥

Comments are closed.